Viaggio

In viaggio sul Treno delle Nuvole in grado di scalare le Ande argentine

Un treno tra le nuvole. Attraversa 29 ponti, 12 viadotti e 21 tunnel per raggiungere l'opera ingegneristica argentina più imponente del secolo scorso, con oltre tremila metri di dislivello.

 E’ per questo che è stato ribattezzato così – Tren a las Nubes – il collegamento ferroviario che attraversa la Valle de Lerma e unisce San Antonio de los Cobres al viadotto La Polvorilla, a 4.200 metri di quota.

Siamo nel nord-ovest dell’Argentina, fra le Ande, su un percorso turistico nato negli Anni 70 a corollario della Belgrano General Railroad, su progetto dall’ingegnere americano Richard Maury. Un’impresa ormai famosa in tutto il mondo, che dal 16 luglio 1972 permette ai vagoni di scalare la montagna viaggiando parallelamente al pendio andino, grazie ad un ingegnoso sistema ferroviario supportato da ponti, tunnel, viadotti, spirali e zig-zag.

Inizialmente il treno a vapore partiva dalla città di Salta, a 1187 metri di altitudine, per poi entrare nella Quebrada del Toro e terminare il viaggio a La Polvorilla in 16 ore per 217 chilometri percorsi e 3018 metri di dislivello. Oggi il tour prevede un collegamento in bus da Salta a San Antonio de los Cobres, sempre attraverso la pianura di Muñano, per poi salire a bordo del Treno delle nuvole e scalare l’ultimo tratto di montagna.

In un’ora si arriva a La Polvorilla, una struttura a trave di acciaio di 223,5 metri di lunghezza per 63 metri d’altezza e 1590 tonnellate di peso, a 4200 metri di quota: uno dei tratti ferroviari più alti al mondo. Il treno percorre per ben due volte il viadotto sul fiume San Antonio de los Cobres, la cui costruzione delle parti è stata affidata all’allora Cantiere Navale Triestino di Monfalcone, oggi parte di Fincantieri, oltre il quale si trova una caratteristica stazione con vista mozzafiato sulla valle andina.

FONTE noemi penna lastampa.it

FOTO lastampa.it

 

Fonte di notizie
lastampa.it
Mostra altro...

Artigos relacionados

Utilizziamo i cookie per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza nell'usarlo. I cookie utilizzati per il funzionamento essenziale del sito sono già stati definiti. Leggi di più
Accettare