Miscellanea

Caffè freddo, arriva il ricettario per gustarlo al meglio

Il consumo nel mondo va verso gli oltre 6.000 milioni di litri

Continuare in estate a bere caffè senza essere costretti a rinunciare all’amata tazzina quando la colonnina di mercurio sale è possibile. Ad assicurarlo è l’Istituto nazionale espresso italiano che, proponendo un suo ricettario, indica la strada dei tradizionali “caffè freddo” e “in ghiaccio” e una valorizzazione del caffè con bevande appaganti e rinfrescanti.

La proposta suggerita, in un contesto nel quale – spiega l’istituto – il consumo di caffè freddo è indirizzato verso gli oltre 6.000 milioni di litri nel mondo, va dalla granita al caffè diffusa nel sud Italia a ricette locali della tradizione come l’espresso con ghiaccio alla Salentina o lo shakerato e il tipico “caffè granito” della Costiera Amalfitana senza dimenticare il “mezzo freddo” della Sicilia orientale, l’aromatizzato e il “caffè del nonno”, una crema fredda di espresso.

Con il ricettario dell’istituto vengono invece indicate alcune ricette realizzate ad hoc da professionisti del settore. Marco Cini di Mokador, propone, ad esempio, il “Coffee ReFresh-Mint”, un espresso a base di menta, ghiaccio, cioccolato fondente, latte e sciroppo di menta da servire in coppa Martini.

Il laboratorio dell’Espresso per conto di Filicori Zecchini suggerisce invece l’Espresso Americano realizzato con espresso, bitter Campari, Vermuth rosso, splash di soda e ghiaccio.

Andrea Pinturi di Caffè Milani propone “Fra’ Momo”, un espresso doppio con zucchero di canna liquido, bacche di cardamomo, sciroppo alla menta e latte scremato.

Vito Campanelli per Essse Caffè lancia invece la ricetta del “Caffè Soffiato” con un espresso Selezione Masini, ghiaccio cristallino e sciroppo di mandorla salentino.

 

FONTE ANSA.IT

FOTO PIXABAY

Fonte
ANSA.IT
Mostra altro...

Artigos relacionados

Back to top button
Utilizziamo i cookie per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza nell'usarlo. I cookie utilizzati per il funzionamento essenziale del sito sono già stati definiti. Leggi di più
Accettare