Italia

Coronavirus, le uniche armi per vincere: responsabilità e senso civico

Il Dpcm appena varato dal Governo penalizza molto alcune categorie. E di questo ci addoloriamo tutti. Ma siamo in un passaggio cruciale: il virus c’è e dobbiamo fermarlo. Tutti dovremo sopportare nuove restrizioni e lottare insieme per risollevarci

L’SoS lanciato da ristoratori e gestori di cinema, due delle categorie più malmenate dalle misure anti-Covid, addolora anche chi non ne è direttamente colpito. È proprio così, purtroppo. Diversi imprenditori riusciranno a rialzare la testa con enormi difficoltà. E molti rischiano di non farcela. Eppure adesso non c’è alternativa. Tutti quanti, chi più chi meno, dovremo sopportare un altro mese di sacrifici, chiusure, rinunce. L’unico modo per tagliare la strada a questo virus, che si trasmette con tanta facilità per via aerea ed è capace di prendersi gioco del nostro sistema immunitario, è non dargli occasione di passare da individuo a individuo. Bisogna impedirgli di «fare il suo lavoro».

Ogni giorno abbiamo contatti con gli esperti del comitato tecnico scientifico, persone di primissimo livello, che non rispondono a nessun dettame politico. Siamo convinti che il rispetto rigoroso di restrizioni così mortificanti per la vita di ognuno di noi sia il vero vaccino. L’arma per sopraffare l’epidemia. Siamo noi cittadini i principali protagonisti di una sfida che potremmo vincere in poche settimane sfoderando due armi micidiali: senso di responsabilità e senso civico.

FONTE MARGHERITA DE BA CORRIERE.IT

Fonte
corriere.it
Mostra altro...

Artigos relacionados

Utilizziamo i cookie per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza nell'usarlo. I cookie utilizzati per il funzionamento essenziale del sito sono già stati definiti. Leggi di più
Accettare