Miscellanea

WhatsApp non funziona, «down» al sistema di messaggistica di Meta: che cosa succede

Disservizi e molte segnalazioni da tutto il mondo. Dopo i problemi a singhiozzo nella sera del 24 ottobre, il down la mattina

WhatsApp non funziona: dopo le ore 18 di lunedì 24 ottobre, si sono moltiplicate le segnalazioni di chi non riusciva a utilizzare il sistema di messaggistica di proprietà di Meta (Facebook). Un «down» temporaneo che ha lasciato a piedi i molti milioni di italiani che ogni giorno utilizzano intensamente l’app che si è imposta come sostituto dei vecchi Sms. Poi un nuovo malfunzionamento, nella mattina di oggi, martedì 25 ottobre, a partire dalle 9 circa.

«Siamo al corrente che alcune persone stanno avendo problemi ad inviare messaggi. Siamo al lavoro per ripristinare WhatsApp nel più breve tempo possibile» ha dichiarato un portavoce di Meta in una nota inviata al Corriere.

Migliaia, intanto, le segnalazioni su Downdetector, la piattaforma che raccoglie e comunica i problemi su vari siti e applicazioni, provenienti da tutta Italia. La maggior parte degli utenti indica l’impossibilità a inviare e ricevere messaggi. Problemi anche sulla versione desktop dell’applicazione. Il problema sembra di portata globale, mentre solo in alcuni Paesi – per ora la Spagna – vengono segnalati problemi anche ad accedere a Instagram.

La data di inizio del malfunzionamento dell’app di messaggistica, il 24 ottobre, coincide con quella che WhatsApp aveva indicato per dire ufficialmente addio ad alcuni vecchi dispositivi. Che non sono più in grado di supportare l’applicazione. In particolare, per quanto riguarda gli iPhone, non potranno più sfruttare WhatsApp i telefoni aggiornati alle versioni iOS 10 e iOS 11 (per esempio i modelli iPhone 5 o iPhone 5c), mentre per quanto riguarda Android, bisogna avere almeno la versione 4.1. La coincidenza fa pensare: è possibile che l’aggiornamento del software abbia provocato qualche problema e dunque, di conseguenza, un «down» su tutti i dispositivi?

Fonte
CORRIERE.IT
Mostra altro...

Artigos relacionados

Back to top button
Utilizziamo i cookie per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza nell'usarlo. I cookie utilizzati per il funzionamento essenziale del sito sono già stati definiti. Leggi di più
Accettare